foto-home

L’Associazione “INSIEME PER L’AFRICA – ONLUS” persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale, di tutela dei diritti civili nei confronti di tutti coloro che ne sono esclusi, con particolare riferimento alle popolazioni dell’Africa, anche con adozioni a distanza, con sostegno e sviluppo didattico, di bambini con ambiti familiari disagiati.


 

AUGURI

foto-home

L’associazione vi augura Buona Natale e Felice Anno Nuovo!!



In sintesi alcune delle attività associative

da aprile a dicembre 2017

1) E’ stato molto importante il viaggio a Caboxangue (Guinea Bissau) del nostro volontario Gabriele Franzin in aprile. Grazie al suo lavoro di verifica dei vari progetti di sviluppo in corso e alle misurazioni topografiche effettuate abbiamo avuto la possibilità di predisporre e cominciare a progettare l’ampliamento della scuola Sambù, e a capire cosa è meglio fare nelle principali aree di intervento in cui siamo presenti in collaborazione con la popolazione del villaggio.

2) Il 13 di maggio si è svolta l’assemblea dei soci in cui sono stati trattati i seguenti argomenti: relazione sull’attività associativa 2016, il bilancio consuntivo 2016, il bilancio di previsione 2017 con i relativi progetti: acqua, salute, istruzione, sviluppo agricolo, promozione donna, ampliamento della scuola e la presentazione dei lavori eseguiti da gennaio ad aprile 2017 (esempio i nuovi due pozzi dell’acqua). L’assemblea ha approvato il bilancio consuntivo e previsionale, i nuovi progetti di sviluppo relativi al miglioramento del nostro impegno.

3) Da aprile ad agosto i nostri tecnici non che volontari hanno elaborato e completato con i vari dettagli il progetto“Ampliamento dei servizi scolastici della Scuola Sambù di Caboxangue”. Nel frattempo è stata costruita la struttura metallica completa di zincatura a caldo, le grondaie e le coperture tipo Isocop per il tetto. Per la parte in muratura stiamo contattando un’impresa Guineiana, questo contribuirà a creare lavoro e quindi un aiuto all’economia locale.

4) Verso fine agosto abbiamo elaborato il nostro giornalino di settembre con vari articoli, inviandolo a circa 2.000 indirizzi e a oltre 300 e-mail. Giornalino e -mail raggiungono molte parti d’Italia e anche all’estero.

5) Domenica 24 settembre abbiamo fatto la festa dell’associazione che ha visto la partecipazione al pranzo di 400 persone (di cui circa 250 arrivate da varie parti del triveneto e da altre parti d’Italia).

6) Sabato 14 e domenica 15 ottobre oltre 60 volontari sono stati impegnati per la tradizionale raccolta di materiali, quale sostegno economico ai progetti di cooperazione in Africa.

7) Il 29 ottobre ha visto la nostra partecipazione all’iniziativa che si è svolta a Motta di Livenza (TV), per sostenere l’ospedale di Wolisso in Etiopia nella lotta alla TBC. L’ ospedale é gestito dai medici con l’Africa del CUAMM di Padova con cui collaboriamo.

8) L’11 novembre abbiamo partecipato numerosi all’Annuale Meeting di Assago (MI) organizzato dal CUAMM, i medici hanno presentato i risultati di un anno di attività “Prima le mamme e i bambini. 1.000 di questi giorni”. La nostra partecipazione è stata di condivisione delle idee e piena di emozioni, abbiamo inoltre espresso il nostro sostegno a questa importante ed indispensabile azione per il diritto alla salute di tutti in particolar modo alle mamme e ai bambini.

9) Appena tornati da Assago ci siamo attivati per raggruppare il materiale preparato per il carico del container: la struttura per l’ampliamento della scuola che comprenderà: la mensa, la cucina, il deposito per gli alimenti, una biblioteca, una sala insegnanti, un bagno e un porticato. Nel container abbiamo caricato inoltre: farmaci per il Dispensario medico, materiale didattico e prodotti alimentari per la scuola materna ed elementare Sambù, materiali per varie manutenzioni. Il container è partito dal porto di Genova il 7 dicembre con destinazione Bissau.

10) Prima di Natale provvederemo al carico di un altro container, in collaborazione con l’Associazione Bedanda di Jesolo. Verrà caricata la rimanenza delle coperture per il tetto, pompe per i pozzi, lampioni stradali con sistema fotovoltaico, lampade a basso consumo e molto altro, nel frattempo cominceremo a verificare la disponibilità dei volontari per partire per Caboxangue.